Tutto il mondo è palese

L’abbandono dei cani durante il periodo estivo è una bufala

leave a comment »

Secondo uno studio FederFauna, Confederazione Europea delle Associazioni di Allevatori, Commercianti e Detentori di Animali, gli accalappiamenti dei cani durante il periodo estivo aumentano solo del 10%, e questo aumento è dovuto più a fattori climatici e ambientali che agli abbandoni. Inoltre i cani di razza accalappiati rappresentano solo il 2% del totale. 

S. P. – 28 giugno 2012 – L’estate è alle porte, anzi per molti è già arrivata e cominciano a fare capolino nei telegiornali (Studio Aperto su tutti) e su Facebook le campagne pubblicitarie contro l’abbandono dei cani durante il periodo estivo. Volti noti, politici, nani e ballerine si prestano per fare da testimonial contro questo fenomeno che pare coinvolgere buona parte degli italiani che, nel momento di andare in ferie, abbandona i propri animali domestici, e come da tradizione lo fa sulle autostrade. Ma siamo sicuri che sia così? Conoscete qualcuno che abbia abbandonato il proprio cane per andare il ferie? Le campagne antiabbandono non potrebbero essere l’ennesimo business degli animalisti?

FederFauna, Confederazione Europea delle Associazioni di Allevatori, Commercianti e Detentori di Animali, ne ha parlato anche con Michele Visone, Segretario Generale di Assocanili, l’Associazione nazionale delle imprese impegnate seriamente e professionalmente nella gestione di strutture che ospitano i cani (circa il 25% del totale, l’altro 75% è gestito interamente da associazioni).

Visone fa notare senza possibilità di appello, che dai dati assunti dalle società che si occupano di accalappiamento, su tutto il territorio nazionale, si evince che la percentuale dei ritrovamenti di cani vaganti a ridosso dei periodi estivi aumenti di non più del 10% rispetto al resto dell’anno.

Il Segretario Generale di Assocanili sottolinea inoltre come l’aumento dei ritrovamenti in tali periodi dipenda soprattutto da particolari fattori climatici ed ambientali: ll caldo dei mesi estivi assicura migliori condizioni per la riproduzione e la sopravvivenza dei cani randagi, e la presenza umana fonte degli avvistamenti e delle segnalazioni è dovuta proprio perché molte località di vacanza sono molto frequentate solo in questi periodi,  in altri quasi deserte.

Ciò indica non solo che le ferie non sono la principale causa di abbandono, ma che sarebbe da rivedere la stessa idea di abbandono causa principale del randagismo.

Un altro dato importante che Visone evidenzia, sempre assunto dalle società che si occupano di accalappiamento, è la percentuale insignificante del numero di cani di razza (tra il 2 e il 5%) di cui solo il 20/30% di piccola taglia. Questi numeri sfatano inesorabilmente il mito del cane comprato a Natale in negozio o in allevamento e poi abbandonato l’estate per andare in ferie (gli allevatori, i negozianti e anche gli importatori trattano solo cani di razza, per l’80% di piccola taglia, quindi non sono quelli che hanno venduto loro i cani ritrovati vaganti d’estate).

Queste le parole di Michele Visone: “Ritengo che chi abbia deciso di prendere un cane come compagno di vita non lo abbandoni mai, al limite rinuncia alle ferie, ma non abbandona il cane.  Questo non significa che non esista il fenomeno dell’abbandono, ci mancherebbe, ma possiamo affermare che le ferie non sono la causa maggiore del problema dei cani vaganti. Le campagne messe in atto contro gli abbandoni sono legittime e condivisibili, anche in questi periodi, ma visto che la stagione offre maggiori opportunità per fare campagna, come sempre, oltre a chi opera nel volontariato con dedizione ed onestà, c’è chi cavalca il luogo comune per i soliti fini di visibilità e raccolta fondi, alla ricerca di vantaggi finalizzati al monopolio del settore in ambito economico e protezionistico. Dovremmo, invece, combattere tutti l’abbandono in modo sempre più deciso e fermo lasciando da parte le appartenenze e mirando dritto all’individuazione delle reali e maggiori cause che lo determinano.

 

Written by stefanopalmieri

giugno 28, 2012 a 10:48 am

Pubblicato su Uncategorized

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: